entrata-museo1 sez-romana-sud-3

Scheda

Mostra Didattica Permanente – Isola Vicentina

Via Leonardo da Vinci 20 – Castelnovo – 36033 Isola Vicentina (VI)
Tel. 0444 975622 – Fax 0444 975622
Presentazione


La Mostra Permanente Didattica, attualmente allestita in una dipendenza delle Scuole Elementari di Castelnovo, raccoglie ed espone alcuni tra i più rappresentativi manufatti rinvenuti negli ultimi decenni nel territorio comunale di Isola Vicentina. Oltre ad alcuni rinvenimenti sporadici, la collezione comprende i materiali preromani e romani raccolti in contesti rustici di un certo rilievo nel panorama regionale (Cava Antoniazzi, “All’Acqua”, Fossanigo). Notevoli sono le tre lamine votive in bronzo con raffigurazioni di guerrieri e di bovini (attualmente in restauro), i due bronzetti di Mercurio e di Minerva e la consistente raccolta di laterizi bollati e pesi da telaio, indice delle principali attività produttive praticate anticamente nell’area.

Storia della collezione museale

La Mostra Permanente Didattica è stata istituita nel 1999 al fine di garantire una certa visibilità ad almeno alcuni tra i più rappresentativi materiali archeologici venuti alla luce negli ultimi decenni ad Isola Vicentina e Castelnovo, grazie all’assidua attività del Gruppo Archeologico “Communitas Insularum” e agli interventi di scavo condotti dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto. Negli stessi ambienti che ospitano l’esposizione è ubicata anche la sede del locale Gruppo Archeologico e della Federazione delle Associazioni di Archeologia del Veneto (FAAV). Con l’intento di meglio valorizzare i manufatti esposti (e quelli ancor più numerosi custoditi nei magazzini) e offrire loro il degno respiro, è in programma il trasferimento e riallestimento della collezione nei locali della vicina Scuola Media.

Descrizione

Nel piccolo vano d’ingresso sono attualmente collocate la ricostruzione didattica di una sepoltura ad incinerazione in tomba “a cassetta” e una copia della ben nota stele di Isola Vicentina, custodita presso il Museo Naturalistico-Archeologico di Santa Corona a Vicenza, che costituisce la prima e sinora unica attestazione epigrafica in lingua venetica in cui compaia l’etnico dei Veneti antichi (Venetkens).

L’esposizione inizia con quattro pannelli introduttivi, disposti ad angolo, a destra della porta d’ingresso. Il loro obiettivo è di inquadrare sempre più nel dettaglio le caratteristiche territoriali e il significato storico-archeologico dei siti individuati nel territorio comunale di Isola Vicentina: Geomorfologia e popolamento; La centuriazione; La documentazione archeologica; Agricoltura e attività domestiche. Gli ultimi due pannelli illustrano in forma sintetica ma puntuale i principali aspetti dei contesti rustici abitativo-produttivi di età romana portati alla luce in località “All’Acqua”, Fossanigo, Cava Antoniazzi e Fosse, i cui materiali più esemplificativi trovano collocazione nelle vetrine della mostra. All’angolo tra i pannelli si trova una teca nella quale sono esposte due statuette in bronzo rinvenute in via Chiodo e presso il fondo Bonato, le quali, poste probabilmente in origine in un larario domestico, raffigurano rispettivamente Mercurio e Minerva (I sec. d.C.).
L’esposizione procede con le quattro vetrine disposte lungo la parete di sinistra. Nelle prime due sono collocati alcuni materiali rinvenuti nel sito di Cava Antoniazzi. Nella prima vetrina si trovano materiali ceramici in ceramica grezza e depurata da cucina e da mensa, una lucerna di tipo “Firmalampe”, una bottiglia in vetro e vari pesi da telaio di età imperiale. Più antico e interessante è il materiale custodito nel ripiano più alto della seconda vetrina, risalente al I sec. a.C. e attualmente in corso di restauro: si tratta di tre lamine votive in bronzo, due circolari e una rettangolare, raffiguranti guerrieri armati e altri soggetti di carattere bellico associati a bovini. Nel ripiano più basso si trovano diversi materiali metallici, tra i quali anse di recipienti e fibule di vario genere e datazione, nonché uno spillone in osso. Le due vetrine successive raccolgono i materiali rinvenuti in località Fosse: oltre ai materiali ceramici e metallici custoditi nella terza vetrina (tra i quali un asse repubblicano datato al 155-149 a.C.), si segnalano le sette coppette in ceramica “a pareti sottili” della prima età imperiale e la raccolta di laterizi con marchi di fabbrica impressi esposte nella quarta vetrina.
La visita continua con le vetrine disposte lungo la parete di fondo. Dopo una teca in fase di allestimento, contenente tre vasi del Bronzo medio provenienti da Monte Palazzo a Malo (donazione Scaramella), si incontra una vetrina in cui è contenuto materiale piuttosto eterogeneo proveniente da varie località del territorio comunale di Isola Vicentina (Fondo Munari, via Capiterlina, Fondo Gonzo, Fondo De Tomasi). Più compatto è il contesto che trova collocazione nella vetrina successiva, dedicata ai rinvenimenti di località Fossanigo (Cava Silma), con numerosi materiali che datano al I sec. a.C.-I sec. d.C. e due monete che attestano la frequentazione del sito anche in età tardo antica; interessante è la presenza di un ago per tessitura in osso, che associato ai numerosi pesi da telaio, conferma l’importanza della produzione tessile nell’ambito territoriale vicentino. Seguono una vetrina contenente il corredo di una tomba rinvenuta in località Bugifave (seconda metà del I-prima metà del II sec. d.C.), nonché altri materiali da via Venezia e via Chiodo, e una teca contenente una raccolta di monete di età imperiale da Cava Antoniazzi e altri siti. Alla parete di fondo, alla destra della teca, è appeso un plastico della villa rustica in località “All’Acqua”.
L’ultima vetrina, sul lato destro della sala, contiene prevalentemente materiali litici preistorici provenienti da varie località sahariane e centro-sud americane (donazione Bertoldi-Scarpa).


Accesso

Tipo di Accesso: Su prenotazione

Biglietto: No

Accesso per le Scuole

Orari

Giorni di Apertura
Orario Quando Specifiche
Estivo/Invernale Lunedì Solo su prenotazione
Estivo/Invernale Martedì Solo su prenotazione
Estivo/Invernale Mercoledì Solo su prenotazione
Estivo/Invernale Giovedì Solo su prenotazione
Estivo/Invernale Venerdì Solo su prenotazione
Estivo/Invernale Sabato Solo su prenotazione
Estivo/Invernale Domenica Solo su prenotazione

Tempo suggerito per la visita (in minuti): 15

Servizi per l’utenza

Servizi igienici

Punti di sosta
Sedie.

Servizi didattici

Brochure
Italiano

Pannellistica
Italiano

Didascalie delle opere
Italiano

Visite guidate

Attività didattiche

Biblioteca/Centro di Documentazione


Bibliografia di riferimento

Bonetto J., Veneto (Archeologia delle Regioni d’Italia), Roma 2009, pp. 376.


stampa scheda sintetica stampa scheda estesa (solo testo) stampa scheda per le scuole info