Scegli la provincia


Scopri i musei e i siti archeologici del Veneto scegliendo tra le province della Regione...

 

sezione-preistorica-e-veneti-antichi4 sez-etrusca-est-6

Aggiornamenti

logoInvia un aggiornamento
o una notifica

I responsabili di Musei o Siti archeologici possono notificare eventi, attività o chiedere modifiche tramite la pagina specifica.

immagine

Musei Vicenza

m-vi_civicobassano

La sezione archeologica del Museo Civico di Bassano del Grappa trova sede all’interno dell’ex Convento di San Francesco, sorto con la chiesa fra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo. Il Museo conserva, oltre ad una ampia collezione di ceramiche greche e apule donate dal prof. Virgilio Chini, una ricca documentazione archeologica romana e preromana espressione delle civiltà locali. Il complesso museale accoglie anche una sezione naturalistica, una generosa pinacoteca, una collezione di documenti canoviani e un sostanzioso lapidario.

20 Foto

m-vi_mostrarepertiarcheologici

All’interno della grande sala consiliare del Municipio di Brendola è presente un’esposizione permanente di reperti archeologici rinvenuti nel territorio locale. Il materiale, principalmente ceramico, copre un arco cronologico compreso tra l’età del Bronzo e il tardo Impero ed è esposto in quattro ampie vetrine.

8 Foto

m-vi_francescanopadremenin

Inaugurato nel 1972, il museo è dedicato alla memoria del suo fondatore, Padre Aurelio Menin. La struttura museale è situata nell’edificio innalzato dietro alla Grotta di Lourdes all’interno del santuario francescano. E’ composto da 11 sezioni dedicate a: strumenti musicali, mineralogia, zoologia, geologia applicata, erbario fotografico, gipsoteca, conchiliologia, paleontologia, paletnologia, etnologia e arti figurative.

16 Foto

m-vi_mostradidatticapermanente

La Mostra Permanente Didattica, attualmente allestita in una dipendenza delle Scuole Elementari di Castelnovo, raccoglie ed espone alcuni tra i più rappresentativi manufatti rinvenuti negli ultimi decenni nel territorio comunale di Isola Vicentina. Oltre ad alcuni rinvenimenti sporadici, la collezione comprende i materiali preromani e romani raccolti in contesti rustici di un certo rilievo nel panorama regionale (Cava Antoniazzi, “All’Acqua”, Fossanigo). Notevoli sono le tre lamine votive in bronzo con raffigurazioni di guerrieri e di bovini (attualmente in restauro), i due bronzetti di Mercurio e di Minerva e la consistente raccolta di laterizi bollati e pesi da telaio, indice delle principali attività produttive praticate anticamente nell’area.

8 Foto

m-vi_civicozannato

Il Museo di Archeologia e Scienze Naturali "Giuseppe Zannato", attualmente ospitato all’interno dell’ottocentesca villa Lorenzoni, prende il nome dal suo primo curatore che lo inaugurò nel 1922 con un vivace intento didattico. Il percorso espositivo si compone principalmente di due sezioni recentemente riallestite, una archeologica (con cinque sale suddivise cronologicamente) e l’altra naturalistica. Il museo è sede del Sistema Museale dell’Agno-Chiampo, che comprende nove comuni dell’area vicentina occidentale.

16 Foto

m-vi_altovicentino

Il Museo Archeologico dell’Alto Vicentino custodisce materiali preistorici e protostorici rinvenuti in diverse località dell’Alto Vicentino e i reperti di un villaggio dell’età del Ferro scoperti a Santorso. A questo nucleo si aggiunge una nuova sezione, recentemente allestita, dedicata alla necropoli tardoromana di Sarcedo. Il museo, che si sviluppa su due piani, si distingue per un ricco apparato didattico-divulgativo finalizzato alla valorizzazione degli aspetti archeologici e ambientali del territorio altovicentino. L’istituzione museale è inserita all’interno della rete museale dell’Alto Vicentino.

19 Foto

m-vi_civicodallago

Il Museo Civico "Dal Lago" è ubicato presso Palazzo Festari e si compone di tre sezioni: geologica, paleontologica e archeologica. I primi due temi sono trattati attraverso 26 vetrine che raccontano la storia geologica della valle dell’Agno. La sezione archeologica raccoglie reperti che coprono un arco temporale molto ampio e testimoniano la lunga frequentazione della regione compresa tra i Lessini e le Piccole Dolomiti. Da non dimenticare è il piccolo allestimento all’aperto in cui sono presenti due ricostruzioni lignee di sauri, una piramide stratigrafica e alcune testimonianze fossili. Il museo è inserito all’interno della rete Musei Alto Vicentino.

6 Foto

m-vi_collezioneprivatadaschio

Nell'atrio d'ingresso della splendida Cà d’Oro (Palazzo da Schio) di Vicenza, sita in Corso Palladio, sono presenti reperti di vario genere raccolti nel territorio vicentino dal conte Giovanni da Schio durante la prima metà del XIX secolo.

6 Foto

m-vi_civicosantacorona

Il Museo Naturalistico e Archeologico di Vicenza trova sede dal 1991 presso il Monastero domenicano di Santa Corona. La sezione archeologica, disposta su due piani, raccoglie reperti provenienti da diverse località del Vicentino, la cui datazione è compresa tra il Paleolitico medio e l’epoca longobarda. Quella naturalistica illustra invece i diversi ambienti naturali dei Colli Berici. Il museo fa parte della rete museale civica che permette, grazie alla bigliettazione unica, di visitare anche altri importanti monumenti cittadini.

27 Foto

m-vi_diocesanovicenza

Il Museo Diocesano venne allestito nel 2005 presso le sale del palazzo vescovile. Il museo si articola su quattro piani; la sezione archeologica occupa il pianterreno, mentre i piani superiori ospitano pregevoli opere appartenenti alla diocesi di Vicenza. Queste testimoniano la crescita della comunità cristiana vicentina dalla tarda antichità fino ai giorni nostri, documentando lo sviluppo del Cristianesimo nel centro urbano. Il rapporto con il territorio è sottolineato da un Sistema museale diffuso che permette al museo di avere una continuità culturale con la città di Vicenza e i suoi musei.

7 Foto

m-vi_felicefortunatomuseum

La piccola e moderna esposizione museale raccoglie diversi materiali provenienti dall’area della basilica e della vicina necropoli dei SS. Felice e Fortunato. Oltre ai pochi reperti romani, tra i quali spicca un sarcofago pressoché integro, il museo custodisce interessanti elementi architettonici, iscrizioni, statue e altri manufatti pertinenti al complesso basilicale cristiano.

13 Foto